Secondo quanto riportato dalla Prefettura di Ancona il nubifragio verificatosi tra la serata e la notte di giovedì 15 settembre ha causato dieci vittime, 3 dispersi 38 feriti e 150 sfollati tra le località di Ostra, Trecastelli, Barbara, Bettolelle, oltre ad importanti danni a Senigallia. Decine di persone sono state salvate dopo essersi rifugiate sui tetti delle abitazioni e sugli alberi, 10 le vittime e 3 i dispersi.

Nella zona dell’Anconetano, nelle Marche è stato deliberato lo stato d’emergenza e sono stati
stanziati cinque milioni di euro per “i primi aiuti”. La procura di Ancona ha aperto un fascicolo per
omicidio colposo e inondazione colposa, al momento a carico di ignoti.
L’emergenza meteo inizia a diventare un fenomeno preoccupante in Italia, tanto che il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio ha detto a Sky TG24 che “dobbiamo abituarci a eventi del genere”.
Il CROAS Puglia esprime tutta la sua vicinanza e si associa al cordoglio della popolazione colpita da questa
inimmaginabile catastrofe ed augura a tutti i colleghi operanti nelle zone colpite un buon lavoro di vicinanza ed accompagnamento a coloro che, una volta perso tutto, saranno costretti a rimettere insieme gradualmente i pezzi delle loro vite.