GENITORI SEPARATI

Quando Lisa decide di separarsi da un marito violento emerge il sospetto che l’uomo abusasse della figlia. Sospetti infondati, orchestrati da una persona esterna al nucleo familiare. La coppia si separa ma impara a gestire nel migliore dei modi il ruolo di genitori separati, con l’aiuto del Servizio sociale. Il collocamento temporaneo dei minori in comunità, per proteggere gli stessi, consente la ridefinizione delle relazioni e la ricomposizione dei legami.

FENICE DEGLI AFFETTI

La situazione economica precaria è solo la punta dell’iceberg. Con l’aiuto dei Servizi Sociali Rosa fa emergere la violenza perpetrata dal marito. Inizia un percorso d’aiuto e di fiducia con i Servizi sociali che cancella il timore dell’allontanamento dei minori.Una “Fenice” per gli affetti della donna e dei figli che avranno la possibilità di progettare un futuro diverso. Perché i Servizi Sociali non tolgono i bambini ad ogni costo!
 

LA FAMIGLIA COME RISORSA

Anna vive una situazione di grave pregiudizio all’interno della sua famiglia. La situazione esige una tutela ed un intervento anche drastico. l Servizio Sociale, tuttavia, individua all’interno della rete familiare una risorsa adeguata. La 13enne viene affidata ad una zia. Il percorso d’aiuto attivato dai Servizi Sociali permette all’adolescente di trovare un ambiente sereno. Anche i genitori di Anna seguono un percorso d’aiuto. La famiglia si ricongiunge al termine del progetto di sostegno.

MAI SOLA NELLA RETE DEI SERVIZI SOCIALI Floriana ha appena chiuso una separazione conflittuale quando scopre di essere gravemente malata. Le cure sono costose, in strutture ospedaliere fuori regione. La donna è sostenuta dalla sorella che non la lascia mai sola. I Servizi Sociali attivano una rete per assicurarle le cure adeguate e per assisterla anche quando è lontana da casa.

SOLITUDINI INTEGRATE